LA PESTE

“Da che parte?” domandò Tarrou.

“Dalla parte dei vinti. Ma poi, ho un po’ riflettuto”.

“A che?” fece Tarrou.

“Al coraggio. Ora so che l’uomo è capace di grandi azioni; ma se non è capace d’un grande sentimento, non m’interessa”.

“Si ha l’impressione che sia capace di tutto”, disse Tarrou.

“Ma no, è incapace di soffrire o di essere felice a lungo. Non è quindi capace di nulla che valga”.

Li guardava, e poi:

“Vediamo, Tarrou, lei è capace di morire per un amore?”

“Non so, ma mi sembra di no, adesso”.

“Ecco: lei è capace di morire per un’idea, si vede ad occhio nudo. Ebbene, io ne ho abbastanza delle persone che muoiono per un’idea. Non credo all’eroismo, so che è facile e ho imparato ch’era omicida. Quello che mi interessa è che si viva e che muoia di quello che si ama”.

Rieux aveva ascoltato il giornalista con attenzione. Senza cessare di guardarlo gli disse piano:

“L’uomo non è un’idea, Rambert”.

Annunci


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...